La Galleria Lafayette, una speranza per il futuro della creatività

Dalla primavera 2018 lo storico centro commerciale parigino della Galleria Lafayette ha inaugurato un nuovo spazio dedicato alla creatività e all’arte del XXI secolo: Lafayette Anticipations. Al numero 9 di rue du Plâtre, la commissione della storica fondazione, insediata in un edificio industriale della fine del Ottocento, ha segnato l’ennesimo successo dello studio di

.

Che storia quella della piccola merceria Aux Galeries Lafayette! Già nel 1912 è tanto prestigiosa e da ingrandirsi occupando l’attuale stabile, diventando uno dei magazzini più famosi e frequentati del mondo. Oggi, la ristrutturazione del complesso da parte dell’OMA ha permesso di rivisitare in chiave contemporanea l’esistenza di luoghi dediti alla cultura e all’elaborazione artistica, ponendo lo spazio come elemento trasversale di connessione tra diverse arti, stili, tecniche e design. “Con la Galeries Lafayette Corporate Foundation, nata nel 2013, volevamo dotarci di uno strumento per andare oltre e partecipare attraverso le arti applicate e plastiche ai grandi dibattiti della società.” – racconta Guillaume Houzé – “La Fondazione sarà più di uno spazio espositivo, sarà un luogo di vita e di discussione per generare e stimolare tutti gli scambi.”

In questi locali, dunque, viene promossa l’arte a tutto tondo, incentivando la produzione artistica e la diffusione di un potenziale scambio tra artisti, come tra gli artisti e il loro pubblico, anche grazie all’offerta di atelier dove realizzare i prototipi e le performance.

A questo scopo ha giocato un ruolo determinante la collaborazione con il Fonds de Dotation Famille Moulin, presieduta da Ginette Moulin, nipote del fondatore della Galeries Lafayette, Théophile Bader, e proprietari di un cospicuo fondo oggi visibile in mostra.

Nel cuore del vecchio Marais, tra le Place de la Bastille, de la République e de l’Hôtel de Ville, in uno dei laboratori creativi più importanti di Parigi, all’arte contemporanea viene riconosciuta un’importanza e un valore storico sociale: nella capitale francese, infatti, sovente essa costituisce il cardine delle operazioni culturali e finanziarie. Non a caso il tema scelto come marca distintiva per questo spazio espositivo è la verticalità: sulle pareti mobili modulari dei quattro piani sono aggrappate, anche con una certa violenza, un serie di video istallazioni che coinvolgono lo spettatore da più punti di vista emozionali. Un omaggio alle sfide del presente, brutali e urgenti, che l’archistar olandese ha voluto denunciare, senza far mancare una strettissima relazione tra gli aspetti più caratterizzanti del nostro tempo e le architetture storiche dei grandi magazzini, di fatto omaggiati come naturale archetipo dell’ultima realizzazione. Proprio questo approccio, legato saldamente al passato, ma volto indiscriminatamente a tutte le forme di arte proiettate verso i futuro, costituisce il nerbo della fondazione, che rende concreto e tangibile il significato della parola “anticipations”, ovvero la necessità di creare patrimoni artistici, superando i limiti di una esclusiva pratica di conservazione.

Bisogna che i monumenti cantino” era il motto di Paul Valéry, parole alle quali si sono ispirati i committenti tanto quanto lo studio capeggiato da Koolhaas; in un contesto riconosciuto dalla critica come neoilluminista, in cui l’enciclopedismo creativo viene coltivato nella più totale libertà di produzione artistica, rivolta – secondo l’ideale di Rousseau – all’educazione e alla conoscenza.

Un luogo in cui l’intento rivolto all’educazione, non solo culturale ma anche etica e sociale, è percepibile già all’accesso, dove una grande aula distribuisce i visitatori nella direzione delle differenzi attrattive.

L’approccio proposto da Koolhaas segue il concetto della modularità: la trasformazione dell’edificio del XIX secolo, dalla complicata planimetria a U, è stata improntata su “un gioco di piattaforme”, dichiara l’architetto, “con al centro del cortile interno una torre espositiva di quattro piani mobili in acciaio e vetro, adattabile a tutti i progetti.” La torre alta 19 metri è il fulcro di tutta l’attività espositiva, collegata alla struttura principale e a un corollario di aule, sopra e sotto terra, adibite alla produzione laboratoriale, alle attività per i più giovani e i servizi di ristorazione. Sono proprio i laboratori il cuore pulsante dell’intera costruzione: in queste aule vengono sviluppate tutte le creazioni del nostro secolo, dall’arte contemporanea alla moda, dal design all’architettura, in un sodalizio tutt’altro che sperimentale tra gli artisti e gli artigiani che dialoga con la storia dell’edificio e con l’intero quartiere parigino; qui, infatti, vengono realizzate opere che poi vengono proposte sul mercato con diverse fasce di prezzo.

“Non sappiamo nulla dell’avvenire, ma credo che uno sforzo comune verso la  creatività, avrà l’effetto di contribuire alla sua invenzione”, ha affermato Houzé: gli intenti della fondazione sono, dunque, molto chiari, la speranza è che attraverso essi si dimostri ancora una volta il ruolo e soprattutto la necessità dell’arte per uno sviluppo in positivo della nostra società.

© Delfino-Sisto-Legnani-and-Marco-Cappelletti
per saperne di più visita http://www.arsetfuror.com
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...